Martedì, 25 Dicembre 2018 09:27

Si, babbo Natale esiste!

Written by
Rate this item
(0 votes)

E quindi eccoci arrivati ad un altro Natale, che è anche il compleanno del mio sito. Per questa ricorrenza due parole al volo ed una storia

Questo Natale è stato diverso. Non sono infatti da parenti e con la panza strapiena. Non sono al pc di mio suocero a scrivere il post di Natale... ma al mio!

Il fatto è che tra meno di 20 giorni arriverà la mia secondogenita, e con mia moglie col pancione non era proprio il caso di migrare da Roma alle Marche, con la sfacchinata del viaggio e comunque il rischio di dover poi correre a Roma in caso di nascita prematura... Quindi quest anno Natale è in famiglia: io, mia moglie e mio figlio di 6 anni.

In pentola ci sono altre grosse novità, ma magari le svelerò a tempo debito... nel frattempo per augurarvi Buon Natale vi trascrivo una storia, che trovate in originale su IlPost.

Tutto nasce da una riflessione, tipo su quanto sia difficile al giorno d'oggi credere in qualcosa, e come sia difficile anche preservare la magia del Natale nei piccoli il più a lungo possibile, perchè se togliamo due o tre cose che lo rendono speciale per i bambini poi rimane molto poco, finchè non sei in grado di capirne la vera essenza cristiana. Ed è ancora più difficile se qualcuno demolisce fin dalla più tenera età le convinzioni che aiutano a vivere il Natale con magia.

Dunque ho trovato questa bella storia, che riporto qui, ma che potete leggere in tutto il suo contesto sul link di sopra al Il Post (che è un ottima testata online e che consiglio a tutti di seguire)

Nel 1897 il dottor Philip O’Hanlon di Manhattan si sentì domandare dalla sua bambina di otto anni Virginia se Babbo Natale esistesse davvero. Virginia aveva cominciato a dubitarne per quello che le avevano detto degli altri bambini.
Suo padre le suggerì di scrivere al New York Sun, un importante quotidiano del tempo di orientamento conservatore, assicurandole che “se lo dice il Sun, allora è vero”. Uno dei direttori del giornale, Francis Pharcellus Church, che era stato corrispondente di guerra durante la Guerra Civile, scrisse una risposta che oggi, più di un secolo dopo, resta l’editoriale più riprodotto nella storia dei giornali anglosassoni.
La lettera di Virginia diceva:

"Caro direttore, ho otto anni. Alcuni dei miei amici dicono che Babbo Natale non esiste. Mio papà mi ha detto: “se lo vedi scritto sul Sun, sarà vero”. La prego di dirmi la verità: esiste Babbo Natale? Virginia O’Hanlon"

Il direttore del Sun Edward P. Mitchell passò la lettera della bambina, perché rispondesse, a Church, uno dei veterani del giornale. Leggendola, si dice, sbuffò e sembrò arrabbiarsi perché gli era stato assegnato un compito di così poco conto. Poi, in meno di cinquecento parole e finendo prima della scadenza, Church le rispose così, in un editoriale non firmato:

"Virginia, i tuoi amici si sbagliano. Sono stati contagiati dallo scetticismo tipico di questa era piena di scettici. Non credono a nulla se non a quello che vedono. Credono che niente possa esistere se non è comprensibile alle loro piccole menti. Tutte le menti, Virginia, sia degli uomini che dei bambini, sono piccole. In questo nostro grande universo, l’uomo ha l’intelletto di un semplice insetto, di una formica, se lo paragoniamo al mondo senza confini che lo circonda e se lo misuriamo dall’intelligenza che dimostra nel cercare di afferrare la verità e la conoscenza.

Sì, Virginia, Babbo Natale esiste. Esiste così come esistono l’amore, la generosità e la devozione, e tu sai che abbondano per dare alla tua vita bellezza e gioia. Cielo, come sarebbe triste il mondo se Babbo Natale non esistesse! Sarebbe triste anche se non esistessero delle Virginie. Non ci sarebbe nessuna fede infantile, né poesia, né romanticismo a rendere sopportabile la nostra esistenza. Non avremmo altra gioia se non quella dei sensi e dalla vista. La luce eterna con cui l’infanzia riempie il mondo si spegnerebbe.

Non credere in Babbo Natale! È come non credere alle fate! Puoi anche fare chiedere a tuo padre che mandi delle persone a tenere d’occhio tutti i comignoli del mondo per vederlo, ma se anche nessuno lo vedesse venire giù, che cosa avrebbero provato? Nessuno vede Babbo Natale, ma non significa che non esista. Le cose più vere del mondo sono proprio quelle che né i bimbi né i grandi riescono a vedere. Hai mai visto le fate ballare sul prato? Naturalmente no, ma questa non è la prova che non siano veramente lì. Nessuno può concepire o immaginare tutte le meraviglie del mondo che non si possono vedere.

Puoi rompere a metà il sonaglio dei bebé e vedere da dove viene il suo rumore, ma esiste un velo che ricopre il mondo invisibile che nemmeno l’uomo più forte, nemmeno la forza di tutti gli uomini più forti del mondo, potrebbe strappare. Solo la fede, la poesia, l’amore possono spostare quella tenda e mostrare la bellezza e la meraviglia che nasconde. Ma è tutto vero? Ah, Virginia, in tutto il mondo non esiste nient’altro di più vero e durevole. Nessun Babbo Natale?

Grazie a Dio lui è vivo e vivrà per sempre. Anche tra mille anni, Virginia, dieci volte diecimila anni da ora, continuerà a far felici i cuori dei bambini."

E alla fine il discorso si applica anche alla religione, e a tutto quello di soprannaturale possa servire a rendere la nostra esistenza meno grigia.

Buon Natale

 

Luca

 

Read 12 times Last modified on Martedì, 25 Dicembre 2018 18:41

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Annuncio pubblicitario by google

Questo sito utilizza cookies per amministrare autenticazioni, navigazione, statistiche di accesso e/o altre funzioni. Continuando la navigazione nel sito acconsentite che questi tipi di cookie vengano memorizzati nel vostro dispositivo.

Visualizzare la Politica sui Cookies

Visualizzare il Documento della Direttiva sulla e-Privacy

Avete Rifiutato i cookies. Questa decisione puo'essere modificata.

Avete acconsentito all'uso dei cookies. Questa decisione puo' essere modificata.