Venerdì, 04 Dicembre 2015 16:56

Dual scheda intel i9600 e ATI R5 300M (HD 8600M)

Written by
Rate this item
(0 votes)

Come detto altrove, nel nuovo HP di casa, sono presenti le due schede da titolo, ovvero la Intel i9600 (o HD4600 se preferite) integrata nel processore i5 di INTEL e la ATI R5 330M (o HD 8600M, come rivelato da terminale Linux). Chi usa Linux lo sa, le schede ATI creano sempre casino, mentre le NVIDIA hanno un ottimo supporto a Linux, ma avendoci queste due, con queste dobbiamo combattere. Dopo alcuni tentativi e molta ricerca in rete ho capito che il problema è fare in modo che il sistema Linux si accorga di avere due card grafiche (una integrata (IGD) e una Discreta (DIS), fargli capire quali sono i driver per l'una e per l'altra, e fare in modo da poter scegliere quale usare. Inizialmente, dopo l'aggiornamento della distribuzione Mint 17.3 al kernel 3.19 ho avuto una funzionalità minima del sistema e non mi andava di perdere tempo con la scheda grafica...ma che ci volete fare, se usate un sistema Linux amate le sfide, quindi...vediamo come è andata a finire.

Piccolo indice
- Tentativo di installazione su Mint17.3
- La soluzione: aggiornare il kernel

Tentativo di installazione su Mint 17.3

Arrivato al punto di avere una funzionalità minima, diciamo che mi dispiace avere un oggetto (scheda grafica ATI) pagato e non sfruttato... quindi intanto facciamo il punto. Con il comando

lspci -nnk|grep -i vga -A3| grep 'in use'

riesco a verificare che

 Kernel driver in use: i915_bpo

eccola là, sto usando la scheda intel. Occorre quindi da software fare in modo di poter abilitare la scheda ATI. Dopo tanti anni in cui non ho avuto a che fare con ATI pensavo che si fossero aperti al mondo e migliorato il supporto a LInux... invece al solito il supporto della AMD fa schifo e nessuna guida ufficiale mi è stata utile. Ho trovato molto interessanti questo post della documentazione Ubuntu, questo della Archlinux e questo della Gentoo forum, oltre ad un post e commenti sottostanti della community di Mint, che però partiva dal presupposto che la storia dello switch fosse nota ed il sistema di switching attivo.

Riassunto: tutti i nuovi processori intel hanno una grafica onboard, quindi se il pc monta ANCHE un'altra grafica bisogna sceglierla. Se avete una NVIDIA, va tutto bene i driver proprietari funzionano tranquillamente e comunque ci sono dei programmetti che permettono lo switch tra le due schede.

Se avete voluto una ATI...allora oltre alla auto-flagellazione avrete una strada lunga da fare in ginocchio sui ceci secchi. Nei post sopra si evince come fare, ma qui mi riporto tutto in modo da avere la procedura per intero.

1) NON INSTALLARE DRIVER PROPRIETARI AMD/ATI. Fanno un casino, specie se ancora non si è abilitato lo switch.

2) Adottare il kernel più aggiornato possibile (anche se con la Mint 17.3 il 3.19.0-32 di default già va bene. Il -39 mi ha creato qualche problema).

3) Verificare se il kernel supporta lo switching:

 sudo grep -i switcheroo /boot/config-*
CONFIG_VGA_SWITCHEROO=y

se la risposta è Y allora si può procedere. va modificato il file etc/default/grub modificando la riga inserendo la parte radeon.modeset=1:

4)

 sudo pico /etc/default/grub

GRUB_CMDLINE_LINUX_DEFAULT="quiet splash radeon.modeset=1"

quindi occorre aggiornare grub e riavviare

 sudo update-grub
sudo reboot

a questo punto appare in sys/kernel/debug/ la cartella vgaswitcheroo che ci dice che la modalità switch è attivata. Nei tentativi precedenti, eseguendo queste operazioni DOPO aver provato ad installare i driver fglrx non andava niente.

5) Verifichiamo che lo switch si può davvero fare

sudo cat /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

appaiono due righe in cui su una è scritto Off e l'altra Pwr, tipo così:

0:DIS: :DynOff:0000:01:00.0
1:IGD:+:Pwr:0000:00:02.0

a questo punto si potrebbe eseguire il comando per accendere quella disconnessa (cosa che però non esegue lo switch) con il comando

sudo echo ON > /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo/switch

senonchè c'è un problema con i permessi delle cartelle, da modificare come segue (UJ è l'utente):

sudo chmod -R 705 /sys/kernel/debug
sudo chown -R UJ:UJ /sys/kernel/debug/vgaswitcheroo

Secondo le guide linkate su a questo punto sarebbe fatta, ma .... io invece mi sono fermato, perchè i comandi per attivare la grafica discreta non funzionano, cioè la scheda 0 è sempre in DynOff ovvero un comportamento dinamico secondi cui è sempre spenta a meno che il sistema non richieda talmente tanta potenza da non far essere più sufficiente la intel ed accenderla. Ho provato a stressare il sistema in ogni modo con giochi 3D e glxgears, ma non c'è stato verso di farla accendere. Inoltre è da qualche passaggio (non ricordo quale) che ho un errore in spegnimento (init wait-for-state (plymouth-shutdownmdm) main process (0000) killed by TERM signal) ... devo premere il tasto di accensione a forza per spegnere.

Da molteplici fonti appare che a questo punto della procedura sarebbe bene installare il driver proprietario fglrx, con la sua estensione per il supporto della scheda intel fglrx-pxpress.

Appena fatto questo...un disastro! Non si vede più niente...ma almeno il sistema si spegne. Come disinstallo i driver torna tutto quasi ok, ma ho ancora il problema dello spegnimento.

Quindi mi sono reso conto, andando a leggere bene la pagina di rilascio di mint 17.3, che c'è scritto proprio che i driver ATI non funzionano... ecco fatto.

Tra l'altro temendo di aver fatto confusione con questa storia della scheda grafica, e che quindi l'errore in spegnimento sia per quello, ho reinstallato la 17.3 da capo, con ripristino di funzionamento corretto in tutto.... ma al primo aggiornamento il problema dello spegnimento si è ripresentato.

La Soluzione: aggiornare il kernel

Quindi ho pensato.... la cara Mint 17.3 ANCORA si regge sulla Ubuntu 14.04LTS, cioè una distribuzione di aprile 2014. E' bella, user friendly con il suo menu in basso stile Windows, installa tutto quanto uno aha bisogno su un pc... ma magari in un anno e mezzo hanno i ragazzi di Ubuntu fatto qualche passo avanti.... Perciò ho pensato di installare a fianco della MInt, in una partizioncina da 20 Gb una Ubuntu vera e propria, datata Ottobre 2015. Dopo aver valutato KDE, il mio primo amore, ma che dalla versione 4 non riesco più a capire, non volendo usare Gnome e Mate, che non mi entusiasmano, ho scelto di provare una una Xubuntu15.10.

Mi piace XFCE, è diventato un desktop maturo, partito come light desktop ma ora molto potente e versatile, con Compiz che funziona out-of-the-box, ed una grafica carina che ricorda il primo Gnome.

Una volta installata ha funzionato tutto alla grande, e anche la luminosità, una volta regolata, è mantenuta in memoria come impostazione. Fantastica, è reattiva da morire, ha lo switch di cui abbiamo parlato attivo di feault ed un kernel 4.2. Una volta installati, mediante l'app per i driver proprietari di Ubuntu, i fglrx, ha funzionato TUTTO, SUBITO, BENE. il pannello di controllo ATI Catalyst funziona e fa fare lo switch tra le due schede....insomma BENE.

Ed è qui che mi sono accorto che forse il mio masochistico voler usare una distro derivata, ferma alla LTS, è stato il mio vero problema....o meglio il problema è che quella distro è ferma coi kernel al 3.19, mentre sul branch Ubuntu sono al 4.2. Pertanto ho installato il kernel 4.2.0-19 con relativi headers sulla Mint 17.3 e pare almeno che i problemucci esistenziali di wifi, luminosità e riavvio siano andati. Quindi decido di reinstallare i driver fglrx da apposita app per driver proprietari di Mint, che sulla Xubuntu girano alla perfezione senza sforzo. Sfortunatamente in questo caso i problemi permangono, perchè dopo aver riavviato, il server X parte ed il desktop si carica ma per qualche motivo che non ho voglia di investigare appare solo una banda colorata in alto, molto sottile, come se il desktop fosse compresso e qualche setting del server X non stia andando per il meglio.

Forse è solo un problema di configurazione del server X e magari potrei provare a copiare il file di configurazione da Xubuntu su Mint....ma non so se ne vale davvero la pena.

Infatti è vero che si può usare la scheda discreta, ma per le operazioni comuni la intel va più che bene, anche per l'editing delle foto. Il sistema risparmia energia ed è più silenzioso. Infatti su Xubuntu, dopo aver installato i driver ATI e fatto girare un gioco (il caro extremetuxrace), la ventola di raffreddamento ha iniziato gli straordinari.... lo stesso gioco con la intel girava bene lo stesso. Quindi ho deciso che mi tengo le due distro su, con la Mint di riferimento per l'uso Office e di base e la ATI a dormire. Se ho bisogno di potenza vado con Xubuntu...aspettando la nuova Ubuntu LTS che porterà la Mint ad un livello aggiornato.

Read 2274 times Last modified on Lunedì, 20 Marzo 2017 10:07

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Annuncio pubblicitario by google

Questo sito utilizza cookies per amministrare autenticazioni, navigazione, statistiche di accesso e/o altre funzioni. Continuando la navigazione nel sito acconsentite che questi tipi di cookie vengano memorizzati nel vostro dispositivo.

Visualizzare la Politica sui Cookies

Visualizzare il Documento della Direttiva sulla e-Privacy

Avete Rifiutato i cookies. Questa decisione puo'essere modificata.

Avete acconsentito all'uso dei cookies. Questa decisione puo' essere modificata.